Creavan: Lavorare Viaggiando

Durante l'ultima Design Week milanese, mi sono imbattuta in una roulotte parcheggiata in Piazza Cadorna, proprio sotto la scultura Ago Filo e Nodo di Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen. 

La curiosità ha comiciato a farsi molto forte quando avvicinandomi ho letto la scritta che campeggia sulla roulotte: Creavan Mobile Design Studio.

All'interno mi ha accolto il proprietario Rawad Abou Zaki, origini libanesi e cittadino del mondo, come ha tenuto a precisare.

20190413_143640.jpg

Dopo anni di studio e lavoro nel settore design a Torino ha deciso di imbarcarsi in questa affascinante avventura: lavorare viaggiando.

Quello che si è chiesto Rowad è in sostanza questo: Perchè chiudersi dentro quattro mura quando la tecnologia ci sta dando la possibilità di estenderci al di fuori, e l'opportunità di essere sempre connessi tra di noi nonostante la distanza fisica?

Perchè allora non sfruttare questo concetto vituale di ubiquità e decidere di non avere una sede fissa in cui lavorare?

E così, licenziatosi da un grande studio di design Rawad ha allestito il suo caravan di tutto il necessario per il suo lavoro e ha cominciato a viaggiare. In poco tempo è riuscito a creare una rete di conoscenze e di persone che viaggiano e lavorano insieme a lui.

Collabora con aziende e università, tiene workshop, spiega come si può essere nomadi in un nuovo mondo tecnologico.

Risultati immagini per creavan

Abbiamo voluto approfondire con lui aspetti della sua avventura.

D: Ci racconti un po’ di te e di com’è nato il progetto Creavan?

R: Da quando ero un bambino, trascorrevo le mie vacanze estive costruendo piccole case nel mio cortile. Ogni anno la nuova casa diventava più grande, più dettagliata e migliorata. Finché un giorno ho deciso di metterlo su ruote.

Il mio obiettivo era quello di metterlo da qualche parte vicino alla natura. Ma questo era ben lungi dall'essere sicuro per un quattordicenne da costruire.

Gli anni passarono e il sogno non cambiò. Ho iniziato a imparare di più su caravan e camper.

Dopo anni passati a studiare design e lavorare per molte aziende innovative in tutto il mondo, ho acquisito esperienza nel settore automobilistico e nel car sharing. Ho acquisito maggiore familiarità con i rapidi cambiamenti che stanno avvenendo in questo campo, ed è stato allora che ho iniziato a costruire una visione di cosa sarebbe successo dopo ......

E Eureka l'ho trovato!

D: Qual è l’obiettivo che vuoi raggiungere?

R: Voglio rivoluzionare il sistema educativo e insegnare attraverso il viaggio e l'avventura.

D: Raccontaci degli episodi divertenti dei tuoi viaggi in Europa.

R:Quando sono arrivato al camp di Barcellona, sono stato accolto da un bellissimo gattino nero. L'ho chiamato "Lillo". Gli ho dato del cibo e ho cercato di fare amicizia con lui. La seconda mattina, mi sono svegliato e ho aperto la porta della roulotte per trovare Lillo che aspettava di dirmi il buongiorno, ma con 5 dei suoi amici !! e ogni settimana più gatti che si uniscono fino a quando ho avuto 15 gatti al giorno davanti alla mia roulotte, proteggendo il mio territorio!

Immagine correlata

D: In questo momento dove ti trovi?

R: Ora sono a Parigi. Mi sono unito a un incubatore per aiutarmi a costruire meglio la mia attività e provare a introdurre l'idea nomade nel sistema educativo.

D: Raccontaci come si svolge una giornata tipo sulla tua roulotte.

R: Se non devo partire per per una nuova citttà la mattina, mi sveglio faccio una doccia e bevo un caffè. Dopo controllo subito le mie e-mail, calendario e inizio a lavorare. Faccio in media 12 ore di lavoro al giorno. Cerco di risparmiare 2 ore per leggere, e 2 ore per andare in giro, incontrare persone e fare shopping, quindi tornare alla mia roulotte il prima possibile per portare avanti il lavoro. Trovo il piacere di lavorare viaggiando perché mi sento motivato a fare il lavoro dificile così gli altri possono godere della libertà di essere nomadi. È la mia missione 

AA029A.5.jpg

D: Il progetto Creavan prevede di oltrepassare i confini europei?

R: Assolutamente! Dopo che l'esperimento europeo ha avuto successo, l'avventura continuerà esplorando nuove terre

Risultati immagini per creavan

D: Con quali partners e aziende ti piacerebbe instaurare collaborazioni?

R: Sono sempre alla ricerca di aziende nel campo del design e della sostenibilità, insieme alle università che possono accogliere il mio progetto e aiutarmi a diffondere il concetto.

Ti ringrazio Rawad per aver chiaccherato con me e per averci fatto conoscere questa tua missione.

Per chi si volesse mettere in contatto con Creavan consiglio di visitare il suo interessantissimo sito web e di seguirlo sui social: https://www.creavan.com/